Prima Edizione Premio GXC – Giovani per la Ceramica

ART. 1 Finalità

La Fondazione Cingoli di Roseto degli Abruzzi indice la Prima Edizione del Premio GXC – Giovani per la Ceramica. Il premio ha la finalità di promuovere l’Arte della ceramica contemporanea, sia nelle sue espressioni legate alla tradizione storica, sia nelle forme più innovative e sperimentali. Il Premio, è organizzato dalla Fondazione Cingoli di Roseto degli Abruzzi con il sostegno della Fondazione Tercas e la CCIAA di Teramo ed è patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Regione Abruzzo – Provincia di Teramo – Comune di Roseto degli Abruzzi – Comune di Castelli. Il concorso prevede l’assegnazione di tre premi, l’allestimento di un’importante Esposizione collettiva a Villa Paris di Roseto degli Abruzzi, e la pubblicazione delle opere selezionate in un catalogo. Il Concorso è a tema libero.

ART. 2 Tecniche

Il Premio è aperto a tutti gli artisti, di età inferiore ai 40 anni, che si sono diplomati all’Istituto d’Arte per la ceramica di Castelli “F.A. GRUE”, oggi denominato Liceo Artistico per il Design, senza limiti di nazionalità o di altra qualificazione, che, analizzato il CV, su insindacabile giudizio della Giuria, saranno selezionati per la partecipazione. Ogni artista può concorrere con una sola opera. Possono essere presentate opere realizzate in piena libertà stilistica e tecnica, dalla ceramica tradizionale alle sperimentazioni di nuovi linguaggi, mediante l’utilizzo di materiali e tecniche di lavorazione in ceramica, materiali e tecniche artistiche di qualsiasi genere, anche non convenzionali.

Le misure massime consentite per pannelli e opere bidimensionali sono di 200 cm per lato. Le misure massime per opere scultoree o istallazioni tridimensionali sono base 250 cm, profondità 250 cm, altezza 250 cm, peso 100 kg. Nel caso in cui le opere scultoree o le installazioni abbiano dimensioni maggiori di 200 cm di altezza, 130 cm di larghezza e 130 cm di profondità devono necessariamente essere allestite in loco a causa dei limiti imposti dagli accessi ai locali espositivi. L’autore dell’installazione, qualora venga selezionato per la mostra collettiva dei finalisti, dovrà fornire all’Ente Organizzatore del premio Fondazione Cingoli tutti i materiali necessari per l’allestimento dell’opera e sovraintendere personalmente all’allestimento stesso. La durata massima di video o opere performative è di 15 minuti, titoli di apertura e di coda compresi. Per le opere che prevedono musica o immagini non originali devono essere garantiti tutti i copyright ed i diritti Siae qualora necessari.

ART. 3 Giuria

La Giuria sarà resa nota nelle prossime settimane e si comporrà di un presidente e di otto componenti.

 ART. 4 Premi

  • Premio Giancarlo Sciannella all’opera dal concept maggiormente innovativo: corrispettivo di € 2.000 per il valore dell’opera che sarà inserita, permanentemente, nella collezione della Fondazione Cingoli con sede espositiva in Villa Paris di Roseto degli Abruzzi.
  • Premio Serafino Mattucci all’opera ritenuta maggiormente aderente all’identità della ceramica di Castelli: corrispettivo di € 2.000 per il valore dell’opera che sarà esposta, permanentemente, nella collezione di opere ceramiche della Fondazione Tercas, nella sede di Palazzo Melatino di Teramo.
  • Premio CCIAA di Teramo che sarà assegnato per l’utilizzo di nuove tecniche e l’impiego di eventuali nuove tecnologie: corrispettivo di € 2.000 per il valore dell’opera che sarà esposta, permanentemente, nella sede della CCIAA di Teramo.

ART. 5 Partecipazione

La partecipazione è gratuita. È possibile partecipare singolarmente o in team. È possibile partecipare con un’opera già realizzata o con il progetto di un’opera da realizzare. Nel caso in cui l’Artista o il team sia selezionato dalla giuria sulla base del solo progetto, l’opera deve essere completata entro il mese di giugno 2019 e deve esserne dato riscontro inviando fotografie dell’opera all’indirizzo mail della Fondazione Cingoli (fondazionecingoli@gmail.com). Le comunicazioni di selezione delle opere verranno inviate a mezzo mail entro la fine del mese di aprile.

ART. 6 Modalità di partecipazione

Gli Artisti possono iscriversi, entro il: 29 marzo 2019, alle ore 14, pena l’esclusione, inviando un plico sigillato contenente il modulo discrizione allegato al presente bando e la documentazione tecnica richiesta. Non saranno accettati plichi pervenuti oltre il termine massimo suindicato. Non farà fede la data del timbro postale di spedizione, ma la data e ora di arrivo a Villa Paris di Roseto degli Abruzzi (TE).

La documentazione tecnica prevede i seguenti documenti:

  1. Il curriculum vitae, riportante il percorso educativo, le attività artistiche, le mostre svolte, la bibliografia dell’artista o degli artisti che costituiscono il gruppo di lavoro. E’ necessario che oltre al CV sia allegata un’autocertificazione che attesti il conseguimento del diploma e la frequenza dell’Istituto d’Arte per la Ceramica di Castelli, oggi denominato Liceo Artistico.
  2. Una o più fotografie dellopera, in formato analogico o digitale (formato min. cm. 15×20 – formato max. cm. 20×30, in caso d’immagine digitale si richiede una risoluzione di 300 dpi). Le fotografie devono riportare, sul retro o sul titolo del file, le seguenti indicazioni: nome, cognome, paese dellArtista, titolo, dimensioni, anno. L’indirizzo è: Villa Paris Via Marcacci 1 – Roseto degli Abruzzi (TE). Linoltro va effettuato per raccomandata Indicare sul retro della busta: Selezione Premio GXC Giovani per la Ceramica. È ammessa la consegna a mano presso la stessa sede dal lunedì al venerdì, dalle ore 09:00 alle ore 12:00.

Nel caso in cui l’opera non sia stata ancora realizzata si richiede di presentare un progetto che sia il più esaustivo possibile ai fini della valutazione da parte della giuria: disegni preparatori, cartoni, bozzetti, simulazioni tridimensionali, modelli, saggi di video e quant’altro l’artista ritenga necessario. La valutazione del progetto sarà relativa alla qualità e quantità di informazioni disponibili. La documentazione non verrà restituita.

ART. 7 Modalità di Selezione e Mostra Collettiva

La Giuria selezionerà fino a 15 opere finaliste e tra queste le tre opere vincitrici. La giuria si riserva la possibilità di assegnare degli ex-aequo. La pubblicazione della selezione delle opere, sul sito web della Fondazione, (www.fondazionecingoli.com) è prevista per la fine di luglio 2019.

Le opere selezionate verranno esposte nella mostra collettiva ARTinACT 007 che si terrà dal 18/07/2019 al 31/10/2019 a Villa Paris di Roseto degli Abruzzi. Lallestimento verrà effettuato nei giorni 15, 16 e 17 luglio 2019.  È prevista la pubblicazione delle opere selezionate in un catalogo a cura della fondazione Cingoli. I nomi dei vincitori dei tre premi verranno comunicati durante l’evento di apertura della mostra dedicato al Premio Giovani per la Ceramica in data 18/07/2019. Lorganizzazione della Mostra sarà a cura della Fondazione Cingoli. Le spese di trasporto delle opere (consegna e ritiro finale) compresi eventuali costi assicurativi, saranno a carico e cura dei singoli artisti. Gli artisti potranno ritirare le opere alla fine dellevento espositivo dal 4/11/2019 al 8/11/2019.

ART. 8 Responsabilità

La Fondazione Cingoli, pur assicurando la massima cura e custodia delle opere pervenute, declina ogni responsabilità per eventuali furti, incendi o danni di qualsiasi natura, alle opere o persone, che possano verificarsi durante tutte le fasi della manifestazione. Ogni eventuale richiesta di assicurazione va sottoscritta dall’artista stesso. Si invitano gli artisti a tenersi aggiornati sugli sviluppi del Premio, che saranno costantemente pubblicati sul sito www.fondazionecingoli.com. Lorganizzazione invierà a tutti gli iscritti alla mailing list le comunicazioni pertinenti. Si raccomanda di fornire un indirizzo e-mail reale e di consultarla quotidianamente, e di aggiungere nella propria rubrica la mail fondazionecingoli@gmail.com .

ART. 9 Consenso

Le decisioni della Giuria di Premiazione sono inappellabili e insindacabili. Gli Artisti premiati hanno facoltà di rinunciare al premio senza però chiedere nessuna forma di risarcimento, in tal caso il premio sarà riassegnato secondo la classifica stilata dalla giuria. Ciascun candidato concede alla Fondazione Cingoli i diritti di riproduzione delle opere e dei testi rilasciati ai fini della redazione del catalogo, dell’archivio delle adesioni e della pubblicizzazione delle opere sul sito web del premio, anche in vista di altre forme di comunicazione e attività dell’Organizzazione. Ciascun candidato autorizza espressamente la Fondazione Cingoli, nonché i loro diretti delegati, a trattare i dati personali trasmessi ai sensi della legge: INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 13 Reg. Ue 679/16 e succ. mod. di legge anche ai fini dell’inserimento in banche dati gestite dalle persone suddette.

La partecipazione al Premio implica la conoscenza e la totale accettazione del presente Regolamento.

I dati personali acquisiti saranno utilizzati da parte dell’organizzazione del Premio, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati. L’eventuale mancato conferimento dei dati e del consenso al loro trattamento/comunicazione comporterà l’impossibilità per l’organizzazione del Premio di dar corso a successivi contatti. Nel modulo d’iscrizione dovrà essere firmata la seguente dichiarazione:

Ai sensi dell’art. 13 Reg. Ue 679/16 e succ. mod. di legge, autorizzo la Fondazione Cingoli di Roseto degli Abruzzi al trattamento dei dati personali anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati. La partecipazione al Premio implica la conoscenza e la totale accettazione del presente Regolamento.

NOMINATA LA GIURIA

La fondazione Cingoli ha indicato la composizione della giuria che esaminerà le opere partecipanti alla prima edizione del Premio CXC – Giovani per la Ceramica.

Presidente sarà Lucia Arbace, direttore del Polo Museale dell’Abruzzo.

Componenti:

Enrica Salvatore, presidente della Fondazione Tercas

Linda Kniffitz, curatrice del MAR di Ravenna e critica d’arte

Lucrezia Di Bonaventura, Fondazione Cingoli

Daniela Fuina, architetto

Gloriano Lanciotti, presidente della Camera di Commercio di Teramo

Rinaldo Seca, sindaco di Castelli

Silvio Vigliaturo, artista

Bruno Zenobio, artista

Nel corso della prima riunione la Giuria, in base a quanto stabilito dal bando del concorso, dovrà esaminare le varie candidature pervenute e dovrà selezionare le opere partecipanti.

PROROGA TERMINI CANDIDATURA

La fondazione Cingoli ha accolto la richiesta pervenuta da alcuni partecipanti di prorogare, a sabato 13 aprile, il nuovo termine ultimo per avanzare le candidature di partecipazione alla prima edizione del Premio CXC – Giovani per la Ceramica.

A questo punto, le candidature, che poi saranno esaminate e selezionate dalla giuria, dovranno pervenire tramite un plico, entro le ore 14:00 di sabato 13 aprile, contenente il modulo d’iscrizione allegato al bando e la documentazione tecnica richiesta (non farà fede la data del timbro postale di spedizione, ma la data e ora di arrivo). È ammessa la consegna a mano direttamente nella sede di Villa Paris, in via Marcacci 1, Roseto degli Abruzzi, dal lunedì al venerdì, dalle ore 09:00 alle ore 12:00.

Per inciso va ricordato che, in base a quanto previsto dal bando, il plico deve contenere:

  1. Il curriculum vitae, riportante il percorso educativo, le attività artistiche, le mostre svolte, la bibliografia dell’artista o degli artisti che costituiscono il gruppo di lavoro. E’ necessario che oltre al CV sia allegata un’autocertificazione che attesti il conseguimento del diploma e la frequenza dell’Istituto d’Arte per la Ceramica di Castelli, oggi denominato Liceo Artistico.
  2. Una o più fotografie dell’opera, in formato analogico o digitale (formato min. cm. 15×20 – formato max. cm. 20×30, in caso d’immagine digitale si richiede una risoluzione di 300 dpi). Le fotografie devono riportare, sul retro o sul titolo del file, le seguenti indicazioni: nome, cognome, paese dell’Artista, titolo, dimensioni, anno.

Nel caso in cui l’opera non sia stata ancora realizzata si richiede di presentare un progetto che sia il più esaustivo possibile ai fini della valutazione da parte della giuria: disegni preparatori, cartoni, bozzetti, simulazioni tridimensionali, modelli, saggi di video e quant’altro l’artista ritenga necessario. La valutazione del progetto sarà relativa alla qualità e quantità di informazioni disponibili. La documentazione non verrà restituita.

Estesa la partecipazione agli allievi del Liceo Artistico F.A. GRUE in corso di studio

La fondazione Cingoli, in seguito a un incontro avuto con il corpo docente del Liceo Artistico F.A. GRUE di Castelli, ha deciso di estendere la partecipazione anche agli allievi in corso di studio. Si è convenuto che le candidature saranno avanzate, direttamente su proposta dei docenti delle varie classi. Una decisione che prende spunto dalla grande attenzione che ha suscitato l’istituzione del premio e dal vivace interessamento che gli studenti hanno manifestato nel voler contribuire, anche loro, alla riuscita della manifestazione. Resta stabilito come da bando che, nel caso in cui le opere non siano state ancora realizzate, la giuria riceverà al fine della valutazione i progetti: disegni preparatori, cartoni, bozzetti, simulazioni tridimensionali, modelli, saggi di video e quant’altro si ritenga necessario.

Related Posts